VPN per la Spagna

Chi si trova a viaggiare all’estero, sa bene come questo tipo di servizio possa venire utile. Le VPN, come NordVPN (Vai al Sito Ufficiale), infatti, sono strumenti utili a “mascherare” il proprio IP, permettendo all’utente dunque di accedere a siti e servizi teoricamente non riservati al territorio in cui si trova.

In alcuni paesi ciò risulta particolarmente utile per aggirare blocchi e censure, in altri territori è semplicemente utile per accedere a contenuti audio-video nella propria lingua. A prescindere da ciò, l’uso di una VPN può essere fondamentale per tutelare la propria privacy in rete, soprattutto quando si utilizzano reti Wi-Fi pubbliche.

Migliori VPN per la Spagna

  1. NordVPN (Vai al Sito Ufficiale);
  2. PureVPN (Vai al Sito Ufficiale);
  3. CyberGhost (Vai al Sito Ufficiale);
  4. Express VPN (Vai al Sito Ufficiale).

Perché serve una VPN per la Spagna

Il paese iberico non presenta particolari limitazioni o forme di censura. Chi si trova a risiedere, anche temporaneamente, al suo interno, può però avere problematiche di altra natura.

Piattaforme come Netflix infatti, focalizzano i contenuti disponibili nella libreria in base alla provenienza dell’IP. Sotto questo punto di vista dunque, simulare un IP italiano con una VPN come NordVPN (qui il Sito Ufficiale) può dare accesso a contenuti che non sono in spagnolo ma che risultano nella nostra lingua.

E’ legale usare una VPN in Spagna

Così come nella maggior parte di paesi occidentali e/o democratici, in Spagna è del tutto legale utilizzare VPN come NordVPN (Vai al Sito Ufficiale) o PureVPN (Vai al Sito Ufficiale).

Ovviamente questo utilizzo non deve avere fini criminosi: l’utente che intende effettuare azioni illegali attraverso un servizio di questo genere viene infatti perseguito legalmente.

Le VPN in Spagna sono sicure e veloci?

Le VPN sul territorio spagnolo risultano piuttosto prestanti. Al di là del servizio in sé però, ciò che conta realmente è la struttura di connessioni web disponibili.

Sotto questo punto di vista, la Spagna appare in vantaggio rispetto all’Italia, pur non essendo tra le primissime nazioni al mondo per velocità di connessione. Rimane sempre essenziale affidarsi ad un buon servizio come ad esempio quello offerto da NordVPN (Sito Ufficiale).

Come usare una VPN in Spagna

L’utilizzo di una VPN in Spagna non si discosta più di tanto da quanto avviene in Italia o in qualunque altro paese. Solitamente questi servizi poggiano su un sistema che sfrutta un client per collegarsi ai vari nodi della piattaforma scelta.

In alternativa, esistono particolari estensioni da adattare ai browser o applicazioni che permettono di utilizzare il servizio per il traffico mobile. Sotto questo punto di vista, ogni singolo servizio propone diverse modalità d’uso.

A prescindere da ciò, va puntualizzato come solitamente ogni VPN permette di utilizzare, con ogni singolo account, più dispositivi contemporaneamente.

Esistono VPN davvero gratuite per la Spagna?

Utilizzare VPN gratuite nel paese iberico, così come altrove, è una realtà concreta. Esistono numerosi servizi a costo zero e, anche se per tempi piuttosto limitati, anche i servizi premium offrono solitamente un utilizzo gratuito del servizio.

Per esempio, il browser Opera offre un servizio di VPN base a titolo completamente gratuito. Non si tratta di qualcosa che può essere paragonato alle migliori piattaforme del settore come come NordVPN (Vai al Sito Ufficiale) o PureVPN (Vai al Sito Ufficiale) ma, in ogni caso, può costituire un modo per prendere dimestichezza con questo tipo di servizio.

Perché alla fine le migliori VPN sono quelle a pagamento

Come appare piuttosto ovvio, le piattaforme di questo tipo a pagamento, come NordVPN (Vai al Sito Ufficiale), offrono una qualità complessiva decisamente superiore. I motivi sono diversi e, in tal senso, possiamo citare:

  • una maggior velocità, che permette di dire addio a fenomeni irritanti come il buffering mentre si vede un contenuto audio-video in streaming;
  • una sicurezza maggiore della connessione, con soluzioni come la crittografia per proteggere i dati dell’utente;
  • la possibilità di scegliere la nazione dell’IP fittizio, opzione difficilmente disponibile nelle VPN gratuite;
  • Una serie di funzioni aggiuntive che, per ovvie ragioni, non sono sostenibili da chi offre questo servizio gratis.

Le soluzioni gratuite dunque, come già accennato, possono essere utili per “sperimentare” ciò che le VPN possono offrire. Nel momento in cui si vuole lavorare seriamente in tal senso, le piattaforme a pagamento come NordVPN (Vai al Sito Ufficiale) o PureVPN (Vai al Sito Ufficiale) sono pressoché indispensabili.