Cos’è una VPN e che significato ha questo acronimo? Perché una VPN è importante per navigare in internet in sicurezza e come può proteggere il nostro anonimato e la nostra privacy?

L’epoca attuale si contraddistingue per un gran numero di innovazioni tecnologiche capaci, in un modo o nell’altro, di modificare lo stile di vita di qualunque persona.

Se, poi, si considerano le svariate sfaccettature che, giorno dopo giorno, implementano la loro funzionalità operativa, allora ci si ritrova dinanzi a un campo pressoché sterminato dove non hai che l’imbarazzo della scelta.

Lo stesso vale per la VPN, come ad esempio NordVPN (qui il Sito Ufficiale),uno strumento capace di affinare una determinata macroarea telematica attraverso peculiarità all’avanguardia in linea con alcune richieste del mercato formulate sia dai privati che dalle realtà aziendali di qualunque dimensione. Insomma, un vero e proprio valore aggiunto per fare costantemente la differenza.

VPN: significato e cos’è

VPN è l’acronimo di Virtual Private Network; e dando un’occhiata alle parole che lo caratterizzano, puoi farti già un’idea del suo notevole potenziale.

Ad ogni modo, entrando nel dettaglio della faccenda si può dire che sia un serviziodi rete impiegato per criptare il traffico internet; così facendo, riesci a proteggere la tua identità quando navighi sul web ed eviti delle spiacevoli complicazioni che potrebbero mettere a rischio i tuoi dati.

Per un’azienda di qualunque tipo, invece, la VPN può essere paragonata ad prolungamento geografico della rete LAN assicurando, quindi, stabilità e sicurezza tra i siti della stessa società posizionati in diversi angoli del suo territorio di competenza.

Perché hai bisogno di una VPN per rimanere anonimo?

Quando sei online, il tuo anonimato non viene garantito al 100%. Perciò, necessiti di una tecnologia all’altezza della situazione come la VPN poiché vanta delle peculiarità esclusive in grado di proteggere la tua identità contro quegli attacchi, ormai noti, in grado di rubartela e di usarla per il perseguimento di alcuni scopi che di lecito hanno ben poco – se non nulla.

Migliori VPN per navigare in completo anonimato

Se sei alla ricerca di uno strumento tecnologico efficace dotato, altresì, di standard ben oltre le soglie dell’eccellenza, allora non ti resta altro da fare che rivolgerti alle VPN che seguiranno poiché sono le migliori attualmente in circolazione secondo le nostre recensioni.

🥇 La Migliore: NordVPN
NordVPN
Scelto 1679 volte
👍 Vantaggi
  • Sicurezza
  • Privacy
  • Velocità
⭐️⭐️⭐️⭐️
Recensione
NordVPN
🤑 Offerta: 67% di sconto piano annuale (Clicca per lo sconto)

NordVPN

NordVPN

NordVPN

NordVPN (click per Sito Ufficiale) è un’autentica istituzione del settore che vanta una rete con oltre 5500 server distribuiti in 59 paesi diversi. Mediante un comparto tecnico indiscutibile, questo servizio di rete ti permette di navigare in totale sicurezza usando una velocità sorprendente, anche quando ti colleghi alle piattaforme streaming o fai del torrenting – un protocollo di condivisione dei file molto popolare incentrato sulla tecnologia peer-to-peer (P2P). In più, NordVPN ha un’opzione denominata QuickConnect che ti permette individuare immediatamente il server migliore per avere una connessione rapida e stabile.

La policy no log della tecnologia in questione mostra quei dettagli tipici di una crittografia militare, per cui il suo concetto di tutela della privacy ha un livello di sicurezza ineccepibile. Per non parlare, poi, della combinazione tra la crittografia AES 256-bit e la tecnologia Perfect **Forward Secrecy, con quest’ultima che ti dà la possibilità di avere una nuova chiave ad ogni log-in effettuato.

PureVPN

Pure VPN

Pure VPN

Un’altra VPN da tenere d’occhio è PureVPN (click per Sito Ufficiale). Fondato nel 2007, questo servizio propone molteplici funzionalità in grado di difendere la tua connessione in maniera ottimale. Basti pensare alla protezione IPv6 e DNSleak; oppure, all’opzione riguardante l’uso di una rete non-NAT per ricorrere ad un indirizzo IP unico. A ciò, poi, si aggiunge la funzione **kill switch, la quale blocca il traffico internet nel momento in cui cambi server o la connessione presenta dei problemi di stabilità.

Per quanto riguarda, invece, lo SplitTunneling, ti viene data l’opportunità di usufruire di un servizio che individua un server VPN a seconda delle tue esigenze. Stesso dicasi per quelle attività in cui opti per un’app piuttosto che un’altra affinché il traffico non venga interamente filtrato dalla VPN in oggetto. Insomma, una certezza facile da usare ed estremamente intuitiva che beneficia di una rete con oltre 6500 server collocati in 140 nazioni diverse.

CyberGhost

CyberGhost VPN

CyberGhost VPN

Ciò che colpisce maggiormente di CyberGhost (click per Sito Ufficiale) è la particolare attenzione che presta nei confronti della questione della privacy.

Difatti, oltre a pubblicare costantemente notizie ed aggiornamenti in merito, rassicura la sua clientela di riferimento con una politica no log che processa i tuoi dati mediante l’applicazione della crittografia AES 256-bit.

Il data center no spy di questa VPN gode, poi, di ulteriori peculiarità peer-to-peer con livelli di sicurezza estremamente ostici per chi vuole impossessarsi dell’identità altrui.

E qualora tu voglia avere un anonimato tale da proteggere anche le tue transazioni bancarie, puoi serenamente contare su questa realtà poiché accetta pagamenti con bitcoin, carta di credito e PayPal.

La velocità di connessione si mantiene su uno standard solido e performante, nonostante la distanza geografica eccessiva di alcuni server rispetto al punto di origine. Infine, CyberGhost ti dà persino la possibilità di usufruire dei suoi benefit quando guardi un film su Disney Plus, su Hulu o una serie TV su Netflix garantendoti una privacy inattaccabile.

Perché usare una VPN e come fa a garantirti anonimato, sicurezza e privacy online

La VPN, come ad esempio NordVPN (qui il Sito Ufficiale), instrada il tuo traffico dati in un tunnel VPN. In questo modo, hacker o istituzioni pubbliche avranno pane per i loro denti qualora decidano di prendere con la forza gli estremi della tua identità.

Ciò è un plus non da poco anche quando lavori da casa, a prescindere dal tempo che impieghi per un’attività professionale di qualunque tipo. D’altro canto, il tuo IP personale viene nascosto e si tramuta nell’IP del server VPN prescelto innalzando, così delle autentiche barriere capaci di resistere a gran parte degli attacchi esterni.

VPN e reti Wi-Fi pubbliche: perché dovresti sempre usare una VPN

Le reti pubbliche di ristoranti, aeroporti, hotel e molto altro ancora sono l’ambiente ideale per i criminali informatici desiderosi di accaparrarsi la tua identità o alcuni dati fondamentali come gli estremi bancari.

Uno dei casi più diffusi è l’attacco man-in-the-middle, con l’hacker di turno che legge agevolmente ogni dato trasmesso mentre sei connesso Quindi, con una VPN a regola d’arte, puoi arginare questo ostacolo e navigare sul web con grande disinvoltura.

VPN e navigazione in internet: come rimanere anonimo

Esistono vari modi per restare anonimo mentre effettui una navigazione sul web.

Tuttavia, una modalità come quella in incognito – eseguibile attraverso una combinazione di tasti specifica per ogni sistema operativo – non assicura quei livelli di sicurezza che una VPN come ad esempio NordVPN (qui il Sito Ufficiale)   , invece, ti garantisce senza soluzione di continuità.

Un espediente molto efficace rispetto ad alternative tanto accessibili quanto fallaci.

E’ per questo motivo che tanti usano le VPN per guardare film porno in anonimo o comunque contenuti più “delicati”.

VPN per eludere i blocchi geografici

Il fenomeno del geoblocking limita l’accesso a determinati contenuti multimediali premium relativi a film, serie TV e tanto altro ancora al fine di tutelare la licenza e il copyright alla base degli stessi.

Oltre a ciò, viene impiegato persino per evitare flussi di traffico nocivi, discriminazioni di prezzifrodi e tentativi, da parte di alcuni sistemi di gioco d’azzardo online, di acquisire dei dati personali.

Con un VPN degna di tale nome, puoi oltrepassare anche un blocco geografico nascondendo le tue attività attraverso un canale alternativo a quello dell’ISP del sito web a cui ti sei collegato. Quindi, nessuna posizione specifica o altro per aggirare il geoblocking con estrema rapidità.

Quanto costa una VPN?

Il costo di una VPN oscilla in base alla tipologia di servizio che scegli.

Se opti per una VPN standard, esistono piani a lungo termine, a medio termine e mensili con una media che vanno dai 2 ai 12 euro. Perciò, è consigliabile che tu ti tenga aggiornato in tal senso, visto e considerato che non mancano quelle promozioni periodiche in grado di farti risparmiare un bel po’ di soldi.

Il medesimo approccio lo puoi usare anche quando devi acquistare una VPN aziendale, i cui pacchetti hanno prezzi concorrenziali che vanno dai 3 ai 10 euro.

Dovrei usare VPN gratuita?

L’utilizzo di una VPN gratuita può essere, per alcune situazioni, una buona soluzione per proteggere i tuoi dati a costo zero.

Ma al di là di questo aspetto piuttosto generico, devi considerare che la gratuità di un servizio del genere permette comunque a dei soggetti esterni di guardare i tuoi dati – incluso il provider della VPN in questione.

Senza contare, poi, l’incidenza del malvertising, ossia quella pratica che scambia gli annunci del sito web prescelto con degli annunci selezionati dal fornitore per sponsorizzare alcuni partner commerciali o cercare di spingerti verso l’acquisto della versione a pagamento.

Una strategia invasiva, la cui pericolosità (potenziale o reale che sia) ti fa comprendere ancora di più l’importanza di una tecnologia che, a fronte di una cifra irrisoria, non ti dà noie e protegge la tua privacy.